noemiguerriero.com http://www.noemiguerriero.com Fashion Style Wed, 15 Jan 2020 11:39:43 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.2.5 World lash day su Notino http://www.noemiguerriero.com/world-lash-day-su-notino/ http://www.noemiguerriero.com/world-lash-day-su-notino/#respond Wed, 15 Jan 2020 11:38:21 +0000 http://www.noemiguerriero.com/?p=13810 Care amiche, il 19 febbraio si celebra il World Lash Day, la giornata mondiale dedicata alle ciglia (vere o false) che negli ultimi anni sono diventate protagoniste dei look di bellezza in passerella e su Instagram. Ma, se un tempo non troppo lontano, sono state esclusivamente quelle finte ad assicurare un risultato da star, oggi […]

L'articolo World lash day su Notino proviene da noemiguerriero.com.

]]>
Care amiche, il 19 febbraio si celebra il World Lash Day, la giornata mondiale dedicata alle ciglia (vere o false) che negli ultimi anni sono diventate protagoniste dei look di bellezza in passerella e su Instagram.
Ma, se un tempo non troppo lontano, sono state esclusivamente quelle finte ad assicurare un risultato da star, oggi con le nuove tecniche (come la laminazione e le extension) e i giusti trattamenti possiamo sfoggiare uno sguardo da Twiggy senza troppi artifici.
Proprio gli occhi da cerbiatta ritornano a essere prepotentemente à la page, e molte sono le celebrity che sui red carpet attirano come calamite i flash con ciglia magnetiche ma naturali.
Il ritorno è quindi a uno sguardo anni sessanta.
Per ottenerlo in tempo flash consiglio di mettere in posa un primer, che prepara le ciglia facendole apparire più spesse, e poi passare il mascara.
In ogni caso la lashcare rimane fondamentale.
Iniziamo con il consiglio della nonna: struccarsi sempre, per eliminare grumi di make-up che potrebbero irrigidire e spezzare le ciglia.
I prodotti oleosi sono il best friend del caso, da utilizzare su dischetti di cotone, pulendo dalle radici alle punte.
Il mai più senza sul comodino: il siero.
Sceglierne uno adatto a noi è importante e non bisogna mai dimenticare di massaggiarlo sulle ciglia prima di andare a dormire.
Ogni sera io uso in modo alternato due tipi:
– Eveline Cosmetics SOS Lash Booster, è un siero rigenerante attivatore di crescita delle ciglia effetto rinvigorente.
L’biotica Active Lash, è crema rigenerante per le ciglia.
Del primer abbiamo detto: grazie alla sua texture avvolgente, leviga la superficie.
Le più basic possono usarlo senza mascara come prodotto nude che disciplina e definisce.
Se le ciglia sembrano comunque rade, nulla vieta di infoltirle con qualche ciuffetto fake da posizionare all’angolo esterno dell’occhio.
E comunque io adoro il mascara è ormai non ne posso più fare a meno.
Scegliere quello giusto non è facile.
Ce ne sono un’infinità, con diversi pennelli e pettinini.
Penso che questa sia una scelta molto personale, anche a secondo della manualità di ognuna di noi, ma la scelta è ampia.
Vi consiglio comunque di fare un giro su notino e leggere le caratteristiche
di ogni prodotto per capirne l’uso e la frequenza.

L'articolo World lash day su Notino proviene da noemiguerriero.com.

]]>
http://www.noemiguerriero.com/world-lash-day-su-notino/feed/ 0
Notino e i tanti profumi per lei http://www.noemiguerriero.com/notino-e-i-tanti-profumi-per-lei/ http://www.noemiguerriero.com/notino-e-i-tanti-profumi-per-lei/#respond Mon, 23 Dec 2019 17:56:27 +0000 http://www.noemiguerriero.com/?p=13805 Care ragazze, ormai siamo molto vicine al Natale e i regali sono tutti sotto l’albero, però per noi donne un regalo non può mai mancare. È un messaggio per i nostri uomini. Volete fare un regalo sicuramente gradito? Un profumo per lei. Ma quando il profumo è diventato un elemento essenziale della femminilità di una […]

L'articolo Notino e i tanti profumi per lei proviene da noemiguerriero.com.

]]>
Care ragazze, ormai siamo molto vicine al Natale e i regali sono tutti sotto l’albero, però per noi donne un regalo non può mai mancare.
È un messaggio per i nostri uomini. Volete fare un regalo sicuramente gradito? Un profumo per lei. Ma quando il profumo è diventato un elemento essenziale della femminilità di una donna?
L’Esposizione Universale del 1900 attesta per la prima volta il successo del profumo su larga scala: nasce così la profumeria moderna.
Il profumo viene considerato come una creazione originale molto vicina ad una creazione artistica: non più basata sull’armonia, ma sul contrasto e su un piano via via sempre più complesso, una vera e propria rivoluzione olfattiva.
Sarà il segnale che incoraggerà i grandi creatori di moda a lanciarsi in questa grande avventura, creativa e commerciale. Aprendo la via a un nuovo approccio di creazione, il couturier Paul Poiret inventa la nozione di couturier-profumiere: una sottile alleanza tra il lusso dell’alta moda e il profumo che non smetterà più di ampliarsi. Dopo lo shock della prima guerra mondiale, che lascia un’Europa distrutta, la pace finalmente ritrovata, richiama a una corsa sfrenata alle novità, a una volontà di godere di ogni istante, a una ricerca di modernità.
Il profumo diventa un prodotto di lusso. Siamo in piena Belle Epoque e la silhouette della donna si libera dalle imbottiture.
La Francia, alla ricerca di esotismo, scopre i grandi profumieri francesi e negli Stati Uniti nascono i primi istituti di cura del corpo e cosmesi.
Le donne lavorano e si emancipano, e richiedono pertanto dinamismo e freschezza anche ai loro profumi. E’ Ernest Beaux, profumiere della società Rallet, che compone nel 1921 per Mademoiselle Chanel il famoso N° 5.
Come i suoi tailleur, i flaconi che “vestono” i suoi profumi sono sobri ed eleganti, ornati di una semplice etichetta su fondo bianco sul quale spicca il nome della fragranza in nero. Poi scoppia la guerra e la moda si adatta alle restrizioni. Dopo la guerra si annunciano tempi nuovi.
I grandi sarti impongono fragranze di carattere: Dior lancia il New Look, a ciascuno il suo stile, si usa un profumo di alta moda per farsi notare.
Esce Marie Claire, primo settimanale femminile rivolto al grosso pubblico che parla di moda e di bellezza. Con la liberazione, gli Americani portano in Europa chewing gum, blue jeans e rock’n roll. Anche la vita delle donne si trasforma: costrette a lavorare nelle fabbriche per sostenere lo “sforzo bellico”, le donne hanno scoperto l’indipendenza economica.
Il prêt à porter sostituisce poco a poco la confezione di sartoria.
Anche i profumi diventano più accessibili. Negli anni ‘60 il movimento hyppie, nato a San Francisco, predica un ritorno alla natura, il rifiuto delle costrizioni, l’uguaglianza dei sessi, la ricerca dei paradisi artificiali al grido di “fate l’amore, non la guerra”.
Musica pop, giacconi di cuoio nero, capelli lunghi, sono i simboli di questa gioventù ribelle. Dalle manifestazioni contro la guerra del Vietnam al maggio ’68, un vento di ribellione soffia ovunque tra i giovani e si diffonde in Europa. La gioventù scopre l’India, i suoi guru, le sue sette e i suoi aromi: si profuma di sandalo, di muschio e di patchouli e brucia bastoncini di incenso. Gli anni ‘70 inaugurano un periodo di reale apertura all’estero di cui beneficia largamente la cultura americana.
Le nuove tecniche di commercializzazione riflettono perfettamente questo movimento: non si tratta più di produrre e di vendere, ma di analizzare il mercato e il comportamento dei consumatori per rispondere alle loro aspettative dagli anni 80 in poi c’è un continuo sviluppo nella ricerca sempre più raffinata.
Nascono così fragranze in grado di soddisfare ogni tipo di esigenza.
Oggi le profumerie, sia sul web che nelle nostre strade, traboccano di profumi.
Le bottiglie sono delle vere e proprie opere d’arte e le profumazioni creano atmosfere uniche.
Io ho scelto, tra i tanti profumi esposti nella vetrina virtuale di Notino, Versace RedJeans Woman. Ha una confezione di latta molto bella e la bottiglia racchiude in sè tutto lo stile Versace.

L'articolo Notino e i tanti profumi per lei proviene da noemiguerriero.com.

]]>
http://www.noemiguerriero.com/notino-e-i-tanti-profumi-per-lei/feed/ 0
Il make up per le feste su Notino http://www.noemiguerriero.com/il-make-up-per-le-feste-su-notino/ http://www.noemiguerriero.com/il-make-up-per-le-feste-su-notino/#respond Fri, 13 Dec 2019 12:15:36 +0000 http://www.noemiguerriero.com/?p=13799 Care amiche, siamo già nel periodo di cene, aperitivi, scambi di auguri, brindisi ecc. Cioè quelle serate di festa alle quali il nostro look “deve” adeguarsi. Quindi possiamo giocare a trasformarci ogni sera in una donna diversa. Possiamo scegliere di indossare uno “smokey intenso” sugli occhi oppure un “rosso fiammante” sulle labbra; o ancora ci […]

L'articolo Il make up per le feste su Notino proviene da noemiguerriero.com.

]]>
Care amiche, siamo già nel periodo di cene, aperitivi, scambi di auguri, brindisi ecc.
Cioè quelle serate di festa alle quali il nostro look “deve” adeguarsi.
Quindi possiamo giocare a trasformarci ogni sera in una donna diversa.
Possiamo scegliere di indossare uno “smokey intenso” sugli occhi oppure un “rosso fiammante” sulle labbra; o ancora ci possiamo divertire con gli ombretti dorati oppure con quelli argentati.
Non è necessario improvvisarsi make up artist di professione, se non è nelle nostre corde, ma possiamo osare di più sicuramente.
E se non vogliamo essere iper truccate da festa, possiamo arricchire il trucco quotidiano con dei tocchi luminosi di polvere dorata su zigomi, arcata sopraccigliare e angolo interno dell’occhio.
Lo so che la ricerca del regalo perfetto è uno stress, ma dobbiamo assolutamente cercare di dedicare un po’ di tempo per noi.
Il suggerimento è un trucco natalizio che ci faccia brillare sia durante il cenone che allo scarto dei regali. Nonostante l’arrosto bruciato o le confezioni stropicciate.
Vi lascio qualche idea semplice ed efficace di trucco natalizio da sfoggiare il giorno del 24 e 25 dicembre e stupire parenti e amici con un make-up di classe e super glam!
1. Puntare sull’oro Per le meno abili, e in mancanza di tempo, vince l’oro: da solo, in stick, polveri all-over metalliche e preziose da applicare su zigomi, tempie, centro delle labbra, regalano in pochi tocchi un (finto) nude look che abbaglia, su ogni colorito.
Il più tradizionale dei look “nude gold” abbina un ombretto oro o bronzo a tutta palpebra con un lipstick nude, ma dai bagliori in tono, come un pesca dorato, ma si può arricchire tutto con ulteriori tocchi platino e perla, sporattutto negli angoli interni degli occhi e sull’osso zigomale, per un’aura di luce ancora più abbagliante.
L’unica attenzione è non dimenticare mai il mascara, a dare profondità e definizione allo sguardo.
Il risultato, è quasi sempre una certezza, anche last minute.
E il makeup sembra non esserci, ma splende.
2. Labbra rosse e occhi gold È il binomio più classico per le feste, un passepartout: labbra rosse e sguardo magico. Il rossetto è il focus del look, in tutta la gamma del rosso intenso e lussuoso.
Due consigli: scegliete un rosso freddo, con un sottono blu, ideale per illuminare ogni incarnato e ogni sorriso.
Per pranzi, cocktail e cene puntate sul finish matte vellutato, più resistente.
Per party e dopocena, via libera invece a rossi lucidissimi e scintillanti, vilici o tuffati nel gloss.
Per lo sguardo, due varianti base: potete optare per un’intramontabile virgola di eyeliner oppure giocare con polveri in tutte le sfumature preziose dell’oro, bronzo e perla, per smokey eye soft ma preziosi.
Lo stesso gioco di luci si posa anche sugli zigomi, per un highlighting che regala una nuova tridimensionalità al volto e flash di luce a ogni movimento.
3. Argento e bordeaux non è più difficile del look precedente, ma esige abilità con la gestione dei contrasti. Funziona bene sulle pelli più chiare.
Sostitute all’oro l’argento è metallico e vivo, a tutta palpebra, e abbinatelo a rossi molto intensi sulle labbra.
L’argento si applica a tutta palpebra, in uno smokey intenso e lunare, oppure con una virgola di eyeliner, cattura luce.
Il rossetto vira verso una palette ricca, dal bordeaux al prugna ai viola scuri. Che sia vellutato o lucido effetto specchio, indispensabile allora un incarnato perfetto, senza ombre ma solo qualche tocco di luce satinata sui punti chiave del viso, creati con un illuminante perlato e “frost”, dai riflessi freddi.
Fascino da dark lady assicurato.
Io, come faccio sempre, ho dato un’occhiata su Notino e sto facendo incetta di trucchi per le feste. Per ora ho acquistato un ombretto glitter per illuminare lo sguardo, il mascara che non può mai mancare per dare profondità allo sguardo e una terra abbronzante illuminante per una pelle perfetta e pronta come base ad un trucco super.

L'articolo Il make up per le feste su Notino proviene da noemiguerriero.com.

]]>
http://www.noemiguerriero.com/il-make-up-per-le-feste-su-notino/feed/ 0
Atelier Pantheon e gli abiti da sogno http://www.noemiguerriero.com/atelier-pantheon-e-gli-abiti-da-sogno/ http://www.noemiguerriero.com/atelier-pantheon-e-gli-abiti-da-sogno/#respond Tue, 03 Dec 2019 10:57:18 +0000 http://www.noemiguerriero.com/?p=13792 Care ragazze, tutte noi fin da piccole sognamo il principe azzurro che venga a portarci via.Tutte sognamo un matrimonio da favola ma sapete come procedere? Da dove iniziare? Che ne dite allora di rubare i segreti dei più grandi wedding planner per riuscire così, anche da sole, ad organizzare un evento indimenticabile?Organizzare le nozze può […]

L'articolo Atelier Pantheon e gli abiti da sogno proviene da noemiguerriero.com.

]]>
Care ragazze, tutte noi fin da piccole sognamo il principe azzurro che venga a portarci via.
Tutte sognamo un matrimonio da favola ma sapete come procedere?
Da dove iniziare? Che ne dite allora di rubare i segreti dei più grandi wedding planner per riuscire così, anche da sole, ad organizzare un evento indimenticabile?
Organizzare le nozze può essere un gran divertimento ma anche uno stress non indifferente.
La cosa più importante è scegliere dei collaboratori veramente capa il: catering, fioristi, fotografi e fornitori che si occuperanno del grande giorno.
Saranno infatti loro a dirigere e orchestrare il tutto in tempo reale ed è importantissimo che godano della vostra totale fiducia.
E’ comunque importantissimo, una volta decisa la data delle nozze fare un piano chiaro di tutto quello che volete e delle tempistiche.
La prima cosa da fare sarà decidere la Chiesa o il municipio, scegliere la location, il catering e fermare la data prescelta.
Altra cosa importantissima sarà decidere il budget per avere le idee chiare su quanto spendere.
Una volta che avrete un’idea di massima potrete procedere nella scelta del fotografo, del fiorista e poi, fare una prima lista degli invitati.
Attenzione poi a questo ultimo punto: se ancora non siete certe del numero indicativo dei vostri invitati, prima di confermare una location (che poi potrebbe rivelarsi troppo piccola o troppo grande) sarà il caso di fare una lista abbastanza precisa delle persone che vorreste avere al vostro matrimonio.
La parte più divertente sarà certamente quella in cui, con l’aiuto del catering e del fiorista, dovrete decidere la scenografia, i colori e il filo conduttore delle vostre nozze.
La parte fondamentale però per noi ragazze, è inutile negarlo, è la scelta dell’abito da sposa.
La scelta dell’abito da sposa è uno dei momenti più eccitanti della fase preparatoria del matrimonio, ma alcune vivono quest’esperienza con ansia, perché tutte desiderano l’abito perfetto ed i dubbi e le indecisioni possono talvolta scatenare stati di stress.
Alcuni suggerimenti possono aiutare:

  1. Per prima cosa dovete pensare agli abiti che siete abituate ad indossare e con i quali vi sentite più a vostro agio.
    Tutte noi sappiamo esattamente quale stile ci si addice di più.
    E’ importante anche sapere quali parti del corpo volete valorizzare e mostrare, per esempio il collo, le spalle e il decoltè o altro.
    In questo modo saprete scegliere un modello di abito che scopra e valorizzi queste parti, coprendone altre che preferite non mostrare.
  2. E’ decisamente meglio andare a scegliere il vestito in compagnia di qualcuno di cui vi fidate, qualcuno che vi conosce bene e sui cui consigli avete sempre potuto contare perché siete certe che vi parlerà sinceramente e nel vostro interesse.
    Qualcuno che quindi tiene a voi in maniera particolare.
    La mamma di solito è la persona ideale e magari un’ amica.
  3. Stabilire un budget di spesa. Ovviamente questo suggerimento vale per ogni bene o servizio che acquisterete ma in particolare per l’abito.
  4. Chiedete il permesso per scattare qualche foto con i vari abiti che indosserete. Rivedervi in foto vi aiuterà a capire meglio qual’ è l’abito più adatto a voi. Inoltre anche se trovate subito l’abito giusto, avere una foto può aiutarvi nella ricerca degli accessori.
  5. È consigliabile fare la scelta con largo anticipo.
    Visitare i diversi atelier, provare e riprovare gli abiti, trovare quello più adatto a voi e aggiustare i particolari o la taglia richiede tempo.
    Il momento ideale per scegliere e comprare l’abito va dai 9 ai 6 mesi prima del matrimonio.
    Io, come avete potuto vedere nelle foto delle ultime settimane, ho avuto occasione di indossare dei favolosi abiti da sposa.
    Ho realizzato un foto servizio per l’Atelier Pantheon di Grottaminarda.
    La casa della sposa più fornita e rinomata della provincia di Avellino. Da anni lo staff dell’atelier coccolano le spose e le consigliano con la scelta più giusta e adatta alle proprie esigenze.
    Una vasta gamma di brand, tra i più importanti al mondo: Pronovias, Roberto Cavalli, Liri e tante altre, delle quali naturalmente troverete tutte le ultime collezioni. Lo staff qualificato vi seguirà per tutte le prove ed é a disposizione per qualunque modifica, grazie ad un esperto team di sarte.
    La maggior parte delle spose spesso compra un tipo di vestito che non ha niente a che vedere con quello sognato e immaginato, perché una cosa è immaginarsi con qualcosa indosso e un’altra è vedersi. Dunque divertitevi a giocare con la vostra immagine, provate modelli anche completamente diversi tra loro per taglio, colore e stile, come ho fatto io per le foto, e scegliete quello che vi sta meglio.
    La prova e la scelta dell’abito dovrebbe essere uno dei momenti più belli e divertenti della fase organizzativa del matrimonio.
    Provare abiti da sogno e sentirsi come principesse, questo è lo spirito giusto, quindi non fatevi prendere dall’ansia e dallo stress.
    Il vestito dei vostri sogni potrebbe essere il primo che indosserete o forse dovrete misurarne dieci, prima di trovare qualcosa che vi soddisfi, ma prendetelo come un gioco e sicuramente lo troverete fra le migliaia di proposte dell’Atelier Pantheon.
    Vi consiglio di telefonare preventivamente per prendere appuntamento, in modo da avere a disposizione uno staff di persone esperte che vi possano consigliare al meglio e vi possano assicurare il migliore servizio possibile e un’assistenza accurata.

L'articolo Atelier Pantheon e gli abiti da sogno proviene da noemiguerriero.com.

]]>
http://www.noemiguerriero.com/atelier-pantheon-e-gli-abiti-da-sogno/feed/ 0
I regali di Natale su Notino http://www.noemiguerriero.com/i-regali-di-natale-su-notino/ http://www.noemiguerriero.com/i-regali-di-natale-su-notino/#respond Fri, 29 Nov 2019 14:04:17 +0000 http://www.noemiguerriero.com/?p=13786 Carissime ragazze, pensato a cosa regalare per Natale? Avete già inaugurato il periodo nel quale studiamo i nostri cari e gli facciamo le domande più assurde pur di capire “il regalo perfetto”.Ma vi siete mai chieste da dove arriva l’usanza di scambiarsi i Regali di Natale? In realtà non si sa da quanto Babbo Natale […]

L'articolo I regali di Natale su Notino proviene da noemiguerriero.com.

]]>
Carissime ragazze, pensato a cosa regalare per Natale?
Avete già inaugurato il periodo nel quale studiamo i nostri cari e gli facciamo le domande più assurde pur di capire “il regalo perfetto”.
Ma vi siete mai chieste da dove arriva l’usanza di scambiarsi i Regali di Natale? In realtà non si sa da quanto Babbo Natale porta i regali ai bimbi…
forse da sempre!
L’usanza di scambiarsi doni tra adulti, invece, ha origini molto antiche.
Risale alle strenne dei Romani: rami consacrati che le persone si scambiavano il primo gennaio come augurio di prosperità e di abbondanza.
Secondo la leggenda fu il re dei Sabini Tito Tazio (proprio quello del ratto delle sabine, che visse più di 700 anni prima di Cristo), a dare il via.
Egli chiese in dono ai suoi sudditi, ogni capodanno, un ramoscello d’alloro o di ulivo colto nel bosco sacro della dea Strenia (da cui la parola “strenna”). Secondo invece la tradizione religiosa scambiarsi doni e pensieri in occasione del Santo Natale ha origini lontanissime.
Sembra risalire proprio alla nascita di Gesù Cristo, quando i tre Re Magi, Gaspare, Melchiorre e Baldassarre, portarono in dono al nuovo nato oro, incenso e mirra, doni preziosi e rari all’epoca.
Un gesto, che ancora oggi celebriamo, scambiando regali e pensando a come rendere felici le persone che ci amano e ci stanno accanto.
Per questo il consiglio è quello di non badare troppo al prezzo ed evitare la mania di acquistare regali eccessivamente costosi.
Cerchiamo di scegliere idee creative e romantiche, che possano davvero esprimere appieno l’emozione tipica di questo magico periodo dell’anno.
Io ho già scelto quasi tutti i regali sul sito di Notino.
Ho potuto scegliere tra centinaia di regali di Natale dedicati alla cura della persona per lui e per lei.
Ed in più profumi e Make up.

L'articolo I regali di Natale su Notino proviene da noemiguerriero.com.

]]>
http://www.noemiguerriero.com/i-regali-di-natale-su-notino/feed/ 0
Calendari dell’avvento su Notino http://www.noemiguerriero.com/calendari-dellavvento-su-notino/ http://www.noemiguerriero.com/calendari-dellavvento-su-notino/#respond Thu, 21 Nov 2019 12:23:22 +0000 http://www.noemiguerriero.com/?p=13775 Care amiche il Natale si avvicina e questo secondo me è il periodo più bello. Quello dell’attesa resta sempre un momento magico. Si prepara tutto in attesa della festa più sentita da tutta la famiglia. È il periodo dell”Avvento”. Nella liturgia cattolica con questo termine si indicano le 4 domeniche che precedono la celebrazione della […]

L'articolo Calendari dell’avvento su Notino proviene da noemiguerriero.com.

]]>
Care amiche il Natale si avvicina e questo secondo me è il periodo più bello. Quello dell’attesa resta sempre un momento magico.
Si prepara tutto in attesa della festa più sentita da tutta la famiglia.
È il periodo dell”Avvento”. Nella liturgia cattolica con questo termine si indicano le 4 domeniche che precedono la celebrazione della nascita di Gesù Bambino.
In chiesa, avrete sicuramente notato una corona composta spesso da rami di alberi sempreverdi. È posta sull’altare.
Vi sono posizionate 4 candele che verranno accese una ogni domenica per scandire l’avvicinamento al Natale.
Ma c’è un altro modo divertente e piacevole per trascorrere il tempo che manca al Natale: il calendario dell’Avvento.
Come molte delle usanze legate al periodo natalizio, anche questa tradizione sembra arrivare dai paesi del Nord Europa.
Un certo signore tedesco, tale Gherard Lang, editore protestante, nel 1908, decise di rielaborare una piccola consuetudine casalinga di quando era ancora bambino. La mamma di Gherard, forse stanca di sentire il piccolo che, giorno dopo giorno, chiedeva insistentemente “Quando arriva il Natale?“, “Quanto manca al Natale?“, decise di confezionare 24 piccoli sacchetti con dentro dei biscotti speziati.
Ne avrebbe regalato uno al giorno al bimbo a partire dal primo giorno di dicembre; una volta terminati i sacchetti, allora sarebbe stato Natale.
Gherard Lang sviluppò l’idea stampando un cartellone con 24 finestrelle che le mamme avrebbero potuto riempire a loro piacimento.
Dalla Germania l’usanza si è spostata presto verso sud fino a raggiungere rapidamente anche il nostro Paese.
Oggi esistono molti tipi di calendario dell’Avvento: si va da quelli che sotto ogni casella celano un versetto del Vangelo, a quelli che nascondono piccoli regali, agli edifici addobbati a calendario.
A me piace il Natale, la sua atmosfera e come quel bimbo di tanti anni fa non vedo l’ora che arrivi.
Quest’anno quindi per rendere ancora più unica l’attesa mi sono voluta regalare il Calendario dell’Avvento e l’ho scelto tra i tanti in vendita su Notino.
Il calendario che ho acquistato è di Delia Cosmetics e nelle caselline ci sono tanti prodotti full size e mini size dedicati al make up e allo skin care.

L'articolo Calendari dell’avvento su Notino proviene da noemiguerriero.com.

]]>
http://www.noemiguerriero.com/calendari-dellavvento-su-notino/feed/ 0
Black Friday e Notino http://www.noemiguerriero.com/black-friday-e-notino/ http://www.noemiguerriero.com/black-friday-e-notino/#respond Wed, 13 Nov 2019 12:14:29 +0000 http://www.noemiguerriero.com/?p=13769 Care amiche, oggi se abbiamo bisogno di qualcosa, anche i prodotti che usiamo tutti i giorni, facciamo un giro sul web. Ed aspettiamo anche le promozioni speciali. A volte incredibili, come il Black Friday. Ma andiamo con ordine. Stavamo parlando degli acquisti sul web. Ma vi siete mai chieste: quando è iniziato il commercio elettronico? […]

L'articolo Black Friday e Notino proviene da noemiguerriero.com.

]]>
Care amiche, oggi se abbiamo bisogno di qualcosa, anche i prodotti che usiamo tutti i giorni, facciamo un giro sul web.
Ed aspettiamo anche le promozioni speciali.
A volte incredibili, come il Black Friday.
Ma andiamo con ordine. Stavamo parlando degli acquisti sul web.
Ma vi siete mai chieste: quando è iniziato il commercio elettronico? Quali sono le sue origini? L’espressione commercio elettronico, in inglese e-commerce (anche eCommerce), può indicare diversi aspetti:
1) può riferirsi all’insieme delle transazioni per la commercializzazione di beni e servizi realizzate tramite Internet;
2) nell’industria delle telecomunicazioni si intende l’insieme delle applicazioni dedicate alle transazioni commerciali.
3) un’altra definizione descrive il commercio elettronico come l’insieme di gestione di attività commerciali attraverso modalità elettroniche.
Il significato del termine “commercio elettronico” è mutato col passare del tempo. Nel tempo sono state aggiunte delle funzioni che possono venire denominate in modo più accurato come “e-commerce” (contrazione di electronic commerce) — l’acquisto di beni e servizi attraverso il WWW ricorrendo a server sicuri, con servizi di pagamento in linea, come le autorizzazioni per il pagamento con carta di credito. Alcune tipologie di prodotti o servizi appaiono maggiormente adattabili alle vendite online, mentre altri sono più indicati per il commercio tradizionale.
Le imprese di commercio elettronico che hanno realizzato le migliori performance restando tuttavia un’entità totalmente virtuale (senza aprire fisicamente degli esercizi commerciali) vendono solitamente prodotti informatici. Un settore nel quale si è sviluppato un grande volume d’affari e che sembra sia in continuo aumento, è quello della cosmesi.
Numerosi sono i siti di vendita on line che offrono una grande scelta.
Io, ormai da qualche mese, acquisto spesso su Notino.
Il sito di Notino, oltre ad offrire un’ampia scelta tra migliaia di prodotti, tra i quali poter scegliere quelli più adatti alla nostra persona, organizza spesso campagne promozionali. Sconti, omaggi e l’evento più importante: il black Friday.
Quest’anno la data del Black Friday (evento mondiale) è il 29 novembre.
Ma su Notino potrai avere gli sconti già dal 25 novembre e fino al 1 dicembre. Una settimana intera per scegliere i migliori profumi e cosmetici.

L'articolo Black Friday e Notino proviene da noemiguerriero.com.

]]>
http://www.noemiguerriero.com/black-friday-e-notino/feed/ 0
Notino, storia e qualità dei fondotinta http://www.noemiguerriero.com/notino-storia-e-qualita-dei-fondotinta/ http://www.noemiguerriero.com/notino-storia-e-qualita-dei-fondotinta/#respond Fri, 01 Nov 2019 13:14:11 +0000 http://www.noemiguerriero.com/?p=13762 Il fondotinta ha una storia antica. Infatti Il primo della storia è stato inventato dagli antichi Egizi nel lontano 3300 a.c. .A quei tempi era considerato “bello” chi aveva un volto bianchissimo. Le donne egiziane allora, compresa la regina Cleopatra e le sue ancelle, solevano schiarire la pelle del viso con la polvere di caolino, […]

L'articolo Notino, storia e qualità dei fondotinta proviene da noemiguerriero.com.

]]>
Il fondotinta ha una storia antica. Infatti Il primo della storia è stato inventato dagli antichi Egizi nel lontano 3300 a.c. .
A quei tempi era considerato “bello” chi aveva un volto bianchissimo.
Le donne egiziane allora, compresa la regina Cleopatra e le sue ancelle, solevano schiarire la pelle del viso con la polvere di caolino, un’argilla morbida di origine naturale.
Anche nel Trecento andavano di moda i visi “bianchi”.
Le signore si spalmavano sulla pelle grandi quantità di dense creme ottenute mescolando ossido d’argento e mercurio a grasso animale.
Per tutto il Settecento, invece, si voleva ottenere una pelle “color madreperla”.
Dame e cavalieri utilizzavano lucidissime pomate collose composte di olii, burro di cacao e farine.
È solo dal primo ventennio del Novecento che si inizia a diffondere l’idea di un colorito naturale, simbolo di salute, vivacità e sensualità.
Forse perché socialmente opposto a quello cadaverico dato dalla tisi, il male del secolo.
Così sono nati i fondotinta colorati come li conosciamo oggi.
Il primo passo verso il fondotinta moderno lo ha compiuto il marchio Shiseido, che nel 1906 ha lanciato la polvere per viso color carne.
Fino a quel momento, infatti, esistevano solo polveri bianche.
Con il passare del tempo poi, i fondotinta si sono rinnovati, parallelamente alle esigenze delle donne e ai cambiamenti nel loro stile di vita.
Negli anni ’60, ad esempio, quando le donne entrano nel mondo del lavoro, manifestano la necessità di prodotti veloci da stendere e semplici da applicare.
Nel corso degli anni le formulazioni dei fondotinta hanno continuato a rinnovarsi ed evolversi.
Nella maggior parte dei casi è un’emulsione più o meno pregiata di acqua in olio, o olio in acqua, con l’aggiunta di pigmenti che ne determinano il potere coprente. Questi pigmenti, essendo inorganici, non sono assorbiti dalla pelle. l’emulsione sì: è per questo che occorrerà scegliere un fondotinta liquido semicremoso o colato a seconda se si ha un tipo di pelle grassa, secca, disidratata, mista o normale.
La percentuale più o meno alta dei pigmenti ed il tipo di emulsione determinano un fondotinta fluido, cremoso, colato o compatto.
Ne esistono in commercio di diverse tonalità di colore a seconda della carnagione del viso. Su Notino naturalmente vi è un’ampia scelta.
Io ho provato per voi: – BB CREME HYDREANE di La Roche Posay .
Un trattamento idratante per pelli grasse. Coprente ma molto leggero. – TOTAL COVER Camouflage Foundation della Delia Cosmetics.
Un fondotinta in crema a copertura totale, contro tutte le imperfezioni. Copre totalmente anche i tatuaggi.

L'articolo Notino, storia e qualità dei fondotinta proviene da noemiguerriero.com.

]]>
http://www.noemiguerriero.com/notino-storia-e-qualita-dei-fondotinta/feed/ 0
Su Notino i fanghi anticellulite http://www.noemiguerriero.com/su-notino-i-fanghi-anticellulite/ http://www.noemiguerriero.com/su-notino-i-fanghi-anticellulite/#respond Tue, 22 Oct 2019 09:52:53 +0000 http://www.noemiguerriero.com/?p=13753 Care amiche, oggi voglio affrontare sotto diversi aspetti, un problema che tocca la maggior parte delle donne: la cellulite. La “cellulite” parola orribile che spaventa tutte noi. Oggi però finalmente si sta sdoganando, perché è vero che cerchiamo di combatterla con tutte le nostre forze, ma si può dire che un po’ tutte ne soffriamo. […]

L'articolo Su Notino i fanghi anticellulite proviene da noemiguerriero.com.

]]>
Care amiche, oggi voglio affrontare sotto diversi aspetti, un problema che tocca la maggior parte delle donne: la cellulite.
La “cellulite” parola orribile che spaventa tutte noi.
Oggi però finalmente si sta sdoganando, perché è vero che cerchiamo di combatterla con tutte le nostre forze, ma si può dire che un po’ tutte ne soffriamo.

CELLULITE:
Termine di uso corrente impiegato per definire una particolare disfunzione del ricambio del tessuto sottocutaneo e del derma.
Più colpito è il sesso femminile (oltre il 95% dei casi) e spesso la malattia è associata a obesità, diabete e disfunzioni ormonali.
CAUSE:
Sono considerati fattori predisponenti i piccoli traumi ripetuti o l’uso inadeguato di mezzi che ostacolano le circolazione (giarrettiere, cinture strette, guaine e busti).
Per molte donne sembra che la pillola anticoncezionale e la gravidanza siano cause di peggioramento del fenomeno.
Infatti, durante la gravidanza aumenta la produzione di estrogeni, che favoriscono la ritenzione dell’acqua provocando i tipici gonfiori.
La cellulite è provocata da una viscosità maggiore della sostanza fondamentale che forma il tessuto connettivo, ostacolando di conseguenza la circolazione sanguigna.
È una sostanza composta da grasso, acqua, e scorie di rifiuto, che ristagna in sacche granulose sottocutanee e si comporta come una spugna che può assorbire grandi quantità d’acqua, quindi gonfiarsi con formazione di sporgenze dall’aspetto rugoso e flaccido.
La pelle aumenta di consistenza e perde elasticità; al tatto si avverte la presenza di granuli di varia grandezza e di consistenza dura e compare il caratteristico aspetto a “buccia d’arancia”.
ORIGINI:
All’origine della cellulite c’è un insieme di cause genetiche, costituzionali, ormonali e vascolari, spesso aggravate da vita sedentaria, da stress, da malattie epatiche, cattiva alimentazione, disturbi intestinali o da quelle patologie caratterizzate da una ritenzione idrica marcata.
EREDITARIETÀ:
Esiste una predisposizione familiare legata a fattori genetici, ad una maggiore sensibilità ormonale e ad una certa fragilità capillare, all’origine della cellulite. Condizioni etniche, razziali e comportamenti alimentari familiari ne influenzano l’insorgenza.
FATTORI ORMONALI:
Il ruolo degli ormoni nell’insorgenza della cellulite è di grande importanza.
Fondamentale è l’azione svolta dagli ormoni ovarici, ipofisari e tiroidei. Durante la pubertà si definiscono le caratteristiche femminili, come l’allargamento del bacino, una localizzazione più accentuata del grasso a livello dei glutei, delle cosce e dei fianchi e lo sviluppo della ghiandola mammaria, per l’intervento degli estrogeni che contribuiscono anche a rendere i tessuti più ricchi di acqua.
Se queste modificazioni rimangono entro certi limiti, non si creano problemi, ma quando eccedono si manifesta anche una vera e propria patologia.
Inoltre, se le irregolarità mestruali, tipiche di questa età della vita, sono importanti, si determina un terreno predisponente all’insorgenza della cellulite ed alla sua accentuazione.
STRESS:
La vita frenetica, l’abuso di fumo o caffè, modificazioni repentine dei bioritmi, una fatica fisica e psichica esagerata, scarso riposo notturno sono tutte condizioni che, associandosi ad altri fattori, contribuiscono a determinare l’insorgenza della cellulite.
Lo stress provoca stimoli non equilibrati tra di loro che travolgono l’ipotalamo, cioè la parte del sistema nervoso centrale che dirige tutto il nostro organismo.
CALZATURE E VESTITI:
L’uso di scarpe inadatte, o tacchi troppo alti, costringono il piede ad una posizione innaturale.
Ecco che con il tempo si formano cuscinetti cellulitici a livello delle caviglie e cellulite diffusa e dura ai polpacci.
I vestiti che comportano dei problemi sono quelli troppo stretti, che comprimono eccessivamente.
Indumenti intimi attillati ostacolano sia la circolazione linfatica che sanguigna, così pure elastici stretti, jeans aderentissimi o body troppo compressivi.
Tutti i capi di vestiario che hanno un bordo rigido e stretto alla radice della gamba sono all’origine dell’insorgenza di una cellulite molle inguinale e degli inestetici cuscinetti alle cosce.
Talvolta anche la spallina del reggiseno, soprattutto quando è troppo tirata e stretta, può essere un ostacolo alla perfetta circolazione della spalla e del braccio ed essere causa di cellulite a livello del deltoide e dell’ascella.
Io ho sperimentato tanti rimedi nel corso degli anni, ma non avevo mai usato i fanghi.
Allora ho deciso di provarli e ne ho ordinato diversi tipi su Notino.

  • Biospa dead sea mineral mud è un prodotto completamente naturale che sfrutta sedimenti formatisi in migliaia di anni.
    Contiene elementi naturali come magnesio, potassio e calcio. Rende la pelle morbida e idratata.
  • Sea of Spa della stessa linea ricco di elementi naturali, ma in diversi formati e peso.

L'articolo Su Notino i fanghi anticellulite proviene da noemiguerriero.com.

]]>
http://www.noemiguerriero.com/su-notino-i-fanghi-anticellulite/feed/ 0
Notino e Weleda http://www.noemiguerriero.com/notino-e-weleda/ http://www.noemiguerriero.com/notino-e-weleda/#respond Wed, 09 Oct 2019 10:21:59 +0000 http://www.noemiguerriero.com/?p=13739 Care Amiche, continuando il discorso sui prodotti e cosmetici naturali, oggi vi voglio parlare di un’azienda tutta al naturale: Weleda. Sicuramente molte di voi ne conoscono la qualità indiscutibile, ma quante ne conoscono la storia è l’attenzione che mettono nella produzione. Vi voglio illustrare quindi a grandi linee la loro filosofia e i loro valori. […]

L'articolo Notino e Weleda proviene da noemiguerriero.com.

]]>
Care Amiche, continuando il discorso sui prodotti e cosmetici naturali, oggi vi voglio parlare di un’azienda tutta al naturale: Weleda.
Sicuramente molte di voi ne conoscono la qualità indiscutibile, ma quante ne conoscono la storia è l’attenzione che mettono nella produzione.
Vi voglio illustrare quindi a grandi linee la loro filosofia e i loro valori.
É un’azienda pionieristica e all’avanguardia nel mondo per la produzione di cosmetici naturali olistici e rimedi antroposofici che curano le persone dando loro benessere e vitalità.
La casa madre è ad Arlesheim, Svizzera e dista solo pochi chilometri dalla Weleda di Huningue, Francia.
Il centro produttivo di Schwäbisch Gmünd si trova invece a solo 250 chilometri verso nord-est in Germania.

Cercare di ottenere sempre alti livelli qualitativi, grazie ad un attento uso delle risorse vanno di pari passo con un attento processo produttivo.
Circa il 78% delle materie prime proviene da coltivazioni biologiche o biodinamiche e da raccolta spontanea certificata.
Tutti i prodotti sono esclusivamente a base di sostanze naturali: non sono usati conservanti e coloranti artificiali.

Fondata nel 1921, Weleda ha esercitato tutte le sue attività commerciali con senso di responsabilita sociale, ambientale ed economica a partire dal procacciamento delle materie prime, durante la lavorazione dei prodotti cosmetici e farmaceutici, fino al loro imballaggio e distribuzione.

Il team coltiva anche piante medicinali e gestisce un proprio laboratorio di tinture dove ha luogo un’ulteriore lavorazione delle materie prime mediante distillazione, estrazione e potenziamento.
Nel corso del tempo alcuni dei metodi hanno subìto dei cambiamenti, rimanendo però sempre ancorati ai vecchi valori.
Sotto il profilo sociale, ambientale ed economico continuano a portare avanti le attività seguendo sempre i medesimi principi originari.

L’80% degli ingredienti bio-certificabili utilizzati per la produzione dei nostri cosmetici, alimentari/ integratori e medicinali proviene da coltivazioni biologiche e/o da raccolta spontanea bio-certificata.
Di fronte a formulazioni cosmetiche più complesse, come creme e prodotti lavanti, può sorgere la domanda: quali ingredienti possono essere certificati?

Si tratta per la maggior parte di materie prime vegetali.
Provengono ad esempio dalle coltivazioni biodinamiche di Weleda, da progetti di coltivazione biologica, da aziende partner o da coltivatori biologici sotto contratto.

Weleda ha una produzione all’80% bio. Il singolo prodotto cosmetico, in base alla percentuale di ingredienti bio della sua formulazione, viene classificato dall’ente certificatore NATRUE in una delle tre categorie:

  • cosmetico naturale
  • cosmetico naturale con porzione biologica
  • cosmetico biologico

Un ingrediente non bio certificabile, presente nella maggior parte di formulazioni cosmetiche è l’acqua.
La certificazione NATRUE infatti non inserisce l’acqua nel calcolo delle sostanze che vanno a determinare il livello di naturalezza di ogni prodotto.
Gli integratori alimentari sono certificati come biologici dall’ente certificatore operativo nel Paese corrispondente al sito produttivo.
Gli alimentari /integratori certificati portano sulla confezione il marchio europeo del biologico. Un asterisco nell’elenco ingredienti fornisce l’informazione sul tipo di provenienza bio.
Ho provato per voi:

  • Weleda olio rigenerante al melograno, lo uso già da qualche anno, é un olio che di solito uso dopo la doccia o dopo la depilazione.
    Si assorbe subito e lascia la pelle liscia, asciutta e non oleosa.
    Ha una profumazione intensa e molto gradevole.
  • Weleda Skin Food Lip butter, un balsamo protettivo. Ora che andiamo incontro all’inverno sappiamo che le labbra con il freddo si screpolano, allora ho acquistato questo balsamo protettivo.
    Per la pelle secca e screpolata, è alla cera d’api, nutre e protegge.
  • Weleda Almond, sensitiv handcreme. Crema mani per pelli sensibili.
    All’olio di mandorle, lascia la pelle liscia al tatto e la protegge dagli eventi atmosferici estremi.
    Un’ampia scelta di prodotti Weleda li potete trovare sul sito Notino.

L'articolo Notino e Weleda proviene da noemiguerriero.com.

]]>
http://www.noemiguerriero.com/notino-e-weleda/feed/ 0